Questa non è una recensione di ‘Star Wars: Gli ultimi Jedi’

«Papà, io in questa scena ho un po’ paura»

Il buio in sala, la pellicola avanza sullo schermo. Una vocina timorosa interrompe la magia, per un attimo è come svegliarsi e prendere nuovamente coscienza del proprio corpo sulla poltroncina. Conoscete tutti la sensazione.

Quanto tempo sarà passato dall’inizio della proiezione? Quarantacinque minuti o forse più, non so dirlo con esattezza. Un padre e tre bambini sono seduti accanto a me. Li avevo notati mentre li scavalcavo cercando il mio posto: due maschietti e una bambina. Il padre la solleva per mettersela in braccio, come a rassicurarla. È tutto ok, è solo un film.

Forse. O forse no. Per Star Wars le definizioni non si applicano, ci siamo abituati a definire tutto il resto grazie alle Guerre Stellari. È tutto lì, nella nostra propensione ad entrare nella storia, al nostro esserne parte vibrante. Star Wars è potenza, stupore e meraviglia, e può metterci a contatto con molte sfumature della nostra anima. Ci vedi quello che vuoi, quello che riesci: l’esperienza varia da persona a persona.

«Papà, io in questa scena ho un po’ paura»

Ripescando nei miei ricordi ho anche io un momento così: l’Imperatore sta torturando Luke con i Fulmini e non potrò mai dimenticare quelle smorfie cariche di violenza. Le luci e l’atmosfera fecero il resto.

In quell’occasione mi alzai di scatto per correre in cucina, lontano dal televisore. Maledizione. “Un vero guerriero non scappa!”, ripetei più volte a me stesso. Mi costrinsi a rivedere la scena e una volta affrontata la prova credetti di essere diventato immensamente più coraggioso.

Cresci e passa il testimone, senza dimenticare mai dell’importanza del fallimento. Favole e un po’ di sana epica: serve forse qualcos’altro? E allora capisci che Star Wars non parla di una galassia lontana lontana: parla di noi.

Gli ultimi Jedi. 

Annunci

Informazioni su Shiri Clod

Romantico cacciatore di chimere perso nella fantasia. Nato con ogni probabilità nell'epoca sbagliata. Un «clown irlandese», proprio come voleva Joyce
Questa voce è stata pubblicata in 1. Pensieri e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...