NOTE AL BIVIO

E insomma come ti volti, qualcosa perdi. Al bivio. Ogni sacrosanta volta.

20130710-222926.jpg

Come una grande, gigantesca partita a scacchi. Non sono un grande giocatore ma un principio del gioco l’ho compreso bene. Non posso illudermi di arrivare a catturare il re avversario senza prima aver perso qualche pezzo. Continuando a credere che gli scambi che abbiamo operato siano equivalenti.

Mentre ti destreggi a destra e a manca, pregustando il momento in cui uscirai dai luoghi dell’apprendimento in cui il rischio è controllato, nel pieno del tempo della facili vittorie ti insegnano a fare ciò che ti piace fare. Perché a me è sempre piaciuto tanto il parkour, peccato che io sia una specie di cetaceo spastico.

Stesso dicasi per lo skate. Entusiamo a mille ma ad agilità stiamo a zero. Fosse facile come fare il Power Ranger: indipendentemente da età, sesso, lingua, razza oppure estrazione sociale, sarai per forza un atleta marziale super powa ubermensch unlimited edition director’s cut. E vabbè. Mi ripeterò ma mica è colpa mia se sento di essere una leggiadra farfalla intrappolata nel corpo di un tirannosauro.

Fai quello che ti piace. Persisti e insisti, perché arriva sempre quel momento in cui ti chiedi se davvero ti piace quello che stai facendo. Cos’è la musica? Cos’è il pianoforte? Dove comincia lui e dove finisco io? Magari scopri che è una cosa che ti piace, ma forse non così tanto. Cioè ti piace ma non la ami davvero. E quindi molli. Anche perchè, come disse a suo tempo pure Flavio Oreglio, studiare il pianoforte ti da tante soddisfazioni, ma lo svantaggio di questo strumento sta nel fatto che è difficile da trasportare nelle gite fuori porta con gli amici. Come dargli torto. Soprattutto quando fuori c’è il sole e ti tocca stare a casa ad esercitarti. Ma per piacere.

Che dopo magari conosci l’ukulele che è una gran figata e magari fai pace con la musica. Dai non litighiamo più, farò il bravo. Perchè non sempre ciò che ci piace fare è ciò che siamo in grado di fare al massimo delle nostre possibilità. L’importante è creare il persorso. Ogni segno sull’asfalto prima o poi comporrà una strada. E se non ritieni di essere sufficientemente felice puoi sempre girarti e tornare indietro.

20130710-223913.jpg

 

menestrellino

Annunci

Informazioni su Shiri Clod

Romantico cacciatore di chimere perso nella fantasia. Nato con ogni probabilità nell'epoca sbagliata. Un «clown irlandese», proprio come voleva Joyce
Questa voce è stata pubblicata in 1. Pensieri e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a NOTE AL BIVIO

  1. Francesco Corcioni ha detto:

    “una leggiadra farfalla intrappolata nel corpo di un tirannosauro”
    è da fasi come questa che capisco quanto sei genio… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...