IL LAVORO CHE NOBILITA

20131209-213919.jpg
Dignità, dignità innanzitutto.

Ho sentito una storia piuttosto forte di recente e mi piacerebbe condividerla con voi. Pur nel rispetto della privacy delle persone coinvolte, ci terrei a far passare il messaggio.

C’è questa ragazza che viene assunta part-time in un certo posto. Niente di che, si tratta comunque di un lavoro per la quale lei è qualificata. Diciamo però che il posto per lei è stato creato ad hoc: una piccola aggiustatina li e un piccolo taglio qui e qualche soldino a fine mese arriva anche a lei.

Poi capita che il direttore, colui che l’ha presa sotto la sua ala protettiva, se ne vada. Gran cosa la pensione. Succede però che la nostra protagonista venga licenziata dal nuovo facente funzioni di direttore. Pochi soldi, c’é la crisi. Può capitare.

Solo in un secondo momento vengono rivelate diversi particolari della vita della donna: eta vivendo un momento di profonda difficoltà e il lavoro le serve per poter garantire le cure al figlio malato.

Magari chi ha deciso per il suo licenziamento in quel momento si sarà sentito un po’ sporco. Accade dunque che essa venga richiamata dopo qualche mese. Le si offre la possibilità di lavorare fino a fine anno.

La ragazza rifiuta categoricamente: ha trovato un nuovo e più massacrante impiego. Indietro non si torna: ha delle responsabilità nei confronti di chi dipende da lei, la vita è dura ma trova ogni giorno la forza di andare avanti.

Eroi dei nostri giorni che vivono si giorni nostri, una vittoria di Pirro alla volta. Con assoluta dignità.

menestrellino

Annunci

Informazioni su Shiri Clod

Romantico cacciatore di chimere perso nella fantasia. Nato con ogni probabilità nell'epoca sbagliata. Un «clown irlandese», proprio come voleva Joyce
Questa voce è stata pubblicata in 1. Pensieri e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a IL LAVORO CHE NOBILITA

  1. Francesco Corcioni ha detto:

    mai come in questi anni, Eroe di CapaRezza rispecchia questa e mille altre storie simili…

    • Martina Fraccaroli ha detto:

      Spesso anche io penso ad “Eroe” e mi sento un po’ male. Mi sentivo peggio prima, da mantenuta, adesso, almeno, sono solo io che faccio fatica.

      E non è per niente facile conservare la propria dignità dopo 400 curriculum e 10 lavori da cui ti mandano via senza motivo, o dopo 36 ore filate senza dormire per guadagnare 80 euro, o tutti casi simili. Gli esempi vengono dal mio carniere.

      Ma noi sopravviveremo.

      • Francesco Corcioni ha detto:

        capisco a pieno: stare in piedi ore e ore e ore alla porta e salutare chiunque entri, o mettere i cappotti a posto a ritmo di robot o controllare che tutto sia a posto sia per espositori che per visitatori… lo so…
        E come hai detto tu, ce la faremo, sopravviveremo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...