LE FIABE SCAZONTI #1 – Il Fulmine

fulmine_foresta_tempesta

Tratto da una storia vera.

Si narra che all’Alba dei Tempi Zeus si fosse riunito con tutti gli dei di tutti i pantheon che dominavano sopra le tempeste per inventare il fulmine.

Era un giorno di pioggia, giusto per precisare. Millenni prima che i Modena City Ramblers scrivessero quella struggente canzone. Curiosamente, anche le divinità sedevano in quell’occasione sopra le nubi irladesi, vai a capire perché.

Comunque sia, a tutti erano chiare le caratteristiche che il fenomeno doveva assumere: Forza! Istantaneità! Boato! Potere! Inappellabilità!

Una manifestazione del Divino forte abbastanza per correre selvaggia lungo tutto il cielo. Ma qualcosa ancora mancava.

«Non capisco,» fece Zeus in procinto di gettare la spugna, «abbiamo tutto ciò che ci serve, ma il fulmine ancora non riusciamo ad ottenerlo. L’Idea che abbiamo in noi, perfetta ed immutabile, sembra essere a portata di mano. Ma ancora ci sfugge. Abbiamo tutte le specificità per creare la folgore ma ci manca un catalizzatore, qualcosa per mescere gli ingredienti e sublimarli in un lampo di luce accecante!»

Lo sconcerto delle divinità era palese poiché le loro arti non riuscivano a dare vita a qualcosa che doveva essere loro per diritto. Che amara ironia. Il divino conclave stava per sciogliersi quando Bastet, la Dea gatta egizia che allora era soltanto una giovane ed anonima gattina, zittì tutti sollevando una zampa tigrata:  «Nobili Numi, la vostra arte è ad un buon livello, tuttavia dovete renderla un po’ più…. Graffiante!»

tempesta-fulmini-1280x800

Detto questo sfoderò i micidiali artigli e calò con impeto la zampa tesa. La stanza (ma non eravamo su di una nuvola?) per un attimo fu scossa da un ruggito primordiale, una luce abbagliante percorse il cielo con primigenia potenza. E poi, silenzio. E gli avvoltoi sulle case sopra la città, senza pietà.

Le divinità erano attonite, comprensibilmente – e ironicamente – scosse.

La giovane Bastet degnò loro di uno sguardo appena prima di sgusciare via con malcelata superiorità. Il Fulmine era stato creato.

La favola insegna oltre ogni ragionevole dubbio quanto i gatti siano geneticamente stronzi.

menestrellino

gatto_zampa_alzata

Annunci

Informazioni su Shiri Clod

Romantico cacciatore di chimere perso nella fantasia. Nato con ogni probabilità nell'epoca sbagliata. Un «clown irlandese», proprio come voleva Joyce
Questa voce è stata pubblicata in Fiabe scazonti e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a LE FIABE SCAZONTI #1 – Il Fulmine

  1. Francesco Corcioni ha detto:

    “E poi, silenzio. E gli avvoltoi sulle case sopra la città, senza pietà.” Ken, sei tu, fantastico guerriero, sceso come un fulmine dal cielo!!!!!! XD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...