E POI TI ACCORGI DI AVER sBAGLIatO SCUOLA

foto (2)

Era dicembre e quel pomeriggio avrei dovuto studiare. Tanto lo sapevo che avrei trovato comunque una scusa per bighellonare tutto il pomeriggio, sentirmi in colpa e quindi migrare in biblioteca fino a mezzanotte per dare un senso alla giornata. A mia discolpa posso dire che alle intorno alle nove di sera in biblioteca ci andai davvero. Intanto alle tre del pomeriggio mi arriva una chiamata da un caro amico: come sto, che cosa sto facendo, dai vieni da me che ti faccio conoscere uno youtuber e poi andiamo a girare un video divertente

così fai un paio della tue facce buffe e prendi un po’ d’aria. Insomma, tempo un quarto d’ora e mi presento all’appuntamento. Andrea Baglio è in ritardo. È abbastanza spesso in ritardo ma vabbè dai, la prima volta non si conta. Che poi tanto alla fine è arrivato.

Morale della favola, abbiamo passato l’intero pomeriggio in una suite di un albergucolo a girare una sola scena: dovevo solo guardare una televisione (spenta) con fare incuriosito, alzarmi in piedi, camminare al rallentatore mentre scrivo un sms, distendermi sul letto, alzarmi di scatto, inserire una faccia buffa. Per un pomeriggio intero. Almeno io ho fatto qualcosa. Andrea, suo fratello e il mio amico erano dietro l’obiettivo della reflex. Deve essere parecchio noioso guardare qualcuno che cammina avanti e indietro per una stanza, anzi no: lo è, punto. E mentre eravamo tutti distrutti e sfiniti lui era li, dietro la sua fotocamera, fresco come una rosa, con occhio maniacale attento ad ogni dettaglio. Ricorderò sempre ciò che esclamò alla fine di quell’estenuante sessione di riprese: «Questo, signori miei, questo è cinema!».

Che dire? Entusiasta, il ragazzo.

Il mio rapporto con lui? Beh, ogni tanto mi chiama per fare una comparsata nei suoi video.

405640_10201116628024776_1304112565_n

Tipo questa

sbagliobuco3

Ehm…. Occhei sorvoliamo.

Ebbene eccoci qua a parlare del suo ultimo lavoro. Una collaborazione con ScuolaZoo. Argomento, manco a dirlo, la scuola. Che poi se ci si pensa un attimo il tema è spinoso e non poco: occorre dare un messaggio positivo, ma non banale e scontato. E che magari sia anche divertente e – perché no? – demenziale al punto giusto. Una scommessa, insomma. Un azzardo bello tosto e sembra proprio che Andrea abbia visto giusto una volta di più. Le immagini che corrono sullo schermo entrano in contrasto con la voce narrante che racconta insegnamenti scolastici che, è proprio il caso di dirlo, hanno trovato un’applicazione decisamente deviata nella vita di tutti i giorni. Suvvia, si tratta solo di fare un po’ di ironia.

Potrei soffermarmi a parlare ancora sulla passione e l’energia (e pazzia) che Baglio mette nei suoi corti. Piccola chicca: la scena del Risiko è stata girata un sabato pomeriggio che è lentamente scivolato fino a diventare un sabato notte, causa avverse condizioni atmosferiche: c’era il sole e la luce non andava bene. Per una volta che deve piovere…

Rispetto alle altre star del web, il canale di sBAGLIOtubo ne ha ancora pochi di iscritti, questo è da dire. Vuoi che l’account è attivo da poco più di un anno e mezzo, vuoi che i video li fa con tutti i crismi e non esce niente che non sia registicamente impeccabile. Detta così sembrano gli slogan di una start-up di giovani imprenditori: “In tempo di crisi, puntiamo sulla qualità piuttosto che sulla quantità, perché noi ci mettiamo la faccia”. Che poi alla fine è tutto vero: c’è stile anche nel fare i cazzoni. Specie se “per esigenze di copione” torni a casa che odori di cocacola.

Senza contare le piccole citazioni che il Nostro nasconde qua e là tra un’inquadratura e l’altra. Qualche esempio? La croce nera (simbolo dell’esercito avversario dei videogiochi di Metal Slug) di carrarmatini del giocatore nero nella già citata sequenza del Risiko e la maglietta a strisce gialle e nere con il simbolo degli 883, chiaro riferimento a La dura legge del Gol, album del 1997 di Max Pezzali, artista molto amato da Andrea. Forse, un omaggio doppio all’artista che proprio in quei giorni stava girando il suo ultimo videoclip, L’universo tranne noi, ambientato proprio all’Arena di Verona.

Ma voi questi dettagli li avevate notati? Incuriositi? Bene, correte a rivedere il video ed esploratelo! Si tratta di una vera e propria caccia al tesoro.

Che poi, diciamocelo: trovare location in una città come Verona è un’impresa titanica, chiedete a lui per conferma.

menestrellino

Annunci

Informazioni su Shiri Clod

Romantico cacciatore di chimere perso nella fantasia. Nato con ogni probabilità nell'epoca sbagliata. Un «clown irlandese», proprio come voleva Joyce
Questa voce è stata pubblicata in 4. Omissioni e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a E POI TI ACCORGI DI AVER sBAGLIatO SCUOLA

  1. Francesco Castioni ha detto:

    Eh.. ne so qualcosa!! Sia per quanto riguarda i ritardi di Baglio che per trovare locations a Verona 😀

  2. Jessica Grossule ha detto:

    sBAGLIatO… l’ho capita adesso… XD

  3. Martina Fraccaroli ha detto:

    *_*
    Credo che la tua comparsata (quella della seconda foto) sia la più breve ed ESILARANTE cosa che potesse succedere al mondo.
    xD
    Mi sono sciolta in risate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...