MONSTERS UNIVERSITY – La recensione

Recensione senza spoiler dell’ultimo film d’animazione targato Disney Pixar, Monsters University, prequel del divertente Monsters Inc. (conosciuto da noi come Monsters & Co). Intanto cresce l’aspettativa per l’imminente Alla ricerca di Dori (personalmente non finirò mai di sperare ne Gli Incredibili 2). Piccola premessa: pensavo che tutti i momenti divertenti fossero concentrati nel trailer. Ebbene, mi sbagliavo.

monstersuniversity

Certo, il film non arriva ai livelli del primo episodio, ma

non tradisce le aspettative.

Lo stile è quello alla quale la Disney ci ha abituato, tuttavia i toni sono più maturi: l’atmosfera che si respira è prettamente goliardica e spensierata, tipica delle università e dei campus americani. Tra rivalità tra confraternite e corsi di studio vedremo come è iniziata l’amicizia tra  James “Sulley” Sullivan e Michael “Mike” Wazowski, come per molti sodalizi profondi, le cose inizialmente non erano tutte rose e fiori.

109-monsters-university-animation-movie-hd-wallpaper

Mentre nel capitolo precedente il film indagava principalmente sulle emozioni e stati d’animo del corpulento spaventatore numero uno, in questo prequel il protagonista è il buffo e simpatico monocolo Wazowski, mostriciattolo non certo spaventoso ma con un cuore e una volontà indomabili. Attorno a loro, in un ambiente curato nei minimi dettagli, ruotano personaggi vecchi e nuovi, sintesi perfetta degli stereotipi degli studenti universitari tipo, ovviamente in chiave ”mostruosa”.

Il ritmo brillante e il finale non banale assicurano allo spettatore divertimento, non senza qualche sorriso un po’ amaro.

Monster-University-monsters-university-33232617-1680-1050

Ciononostante Monsters University rimane una fiaba incantevole e divertente volta ad insegnarci che l’amicizia e il gioco di squadra vengono prima di tutto e di come sia fondamentale credere fermamente nei propri sogni, soprattutto quando sentiamo mancare l’apporto del talento. Perché se a volte essere se stessi può fare male, l’importante è non mollare mai. Un gradino alla volta la scalata va percorsa tutta senza scorciatoie: per ogni porta che si chiude se ne apre un’altra, sembrano dirci i due protagonisti. L’importante è dedicare anima e corpo alla realizzazione dell’idea che abbiamo di noi. D’altra parte che cos’è la vita se non un’immensa gavetta?

menestrellino

 

Annunci

Informazioni su Shiri Clod

Romantico cacciatore di chimere perso nella fantasia. Nato con ogni probabilità nell'epoca sbagliata. Un «clown irlandese», proprio come voleva Joyce
Questa voce è stata pubblicata in 3. Opere e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a MONSTERS UNIVERSITY – La recensione

  1. Francesco Corcioni ha detto:

    “cos’è la vita se non un’immensa gavetta?” nulla da aggiungere… 🙂

  2. Martina Fraccaroli ha detto:

    “D’altra parte che cos’è la vita se non un’immensa gavetta?”

    Ti adoro.

  3. shiriclod ha detto:

    vi è piaciuta proprio quella frase!!! me ne compiaccio!!! ^_^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...